...inviate le info della vostra attività, saranno inserite gratuitamente!
Homepage   Indirizzi utili   Libri    Cinema     Teatro   Musica   Radio    TV    Giochi    Pagine Astratte    Contattaci

Mangiare Bere:
Agriturismo 
Alimentari Gastronomia Mercati 
BAR CAFFE' Wine Bar  Aperitivi Internet Caffè
Catering - Ricevimenti 
Frutteria  Verdure fresche
Gelaterie specializzate
Pane fresco Forni 
Paninerie tipiche
Pasta fresca e Laboratori
Pasticcerie specializzate
Pescherie
Pizzerie 
Prodotti Tipici Regionali 
Pub - Night Club
Ristoranti italiani ed internazionali
Rosticcerie Tavola Calda 
Scuole e Corsi alta cucina Italiana  ed Estera
Vini Tipici Enoteche  Liquori 
Mangiare Bere:
Agriturismo 
Alimentari Gastronomia Mercati 
BAR CAFFE' Wine Bar  Aperitivi Internet Caffè
Catering - Ricevimenti 
Frutteria  Verdure fresche
Gelaterie specializzate
Pane fresco Forni 
Paninerie tipiche
Pasta fresca e Laboratori
Pasticcerie specializzate
Pescherie
Pizzerie 
Prodotti Tipici Regionali 
Pub - Night Club
Ristoranti italiani ed internazionali
Rosticcerie Tavola Calda 
Scuole e Corsi alta cucina Italiana  ed Estera
Vini Tipici Enoteche  Liquori 

Mangiare Bere

 


Mangiare Bere >
 

Le Marinate

Estratto dal sito http://www.mangiarebene.com/

Quisquilie & pinzillacchere:

 le Ricette di Mangiare Bene 

                                   Apicio

Le Ricette di Mangiare Bene

·                                 Antipasti

·                                 Zucchine alla Scapece

Uno dei piatti più celebri della cucina napoletana è senza dubbio gli Zucchini alla Scapece. La scapece è un termine dibattuto e la sua origine ha diverse interpretazioni. Qualche anno fa il Principe Consorte della Regina di Danimarca si incuriosì molto a questo termine e tramite un amico comune, il Principe Ferrara Pignatelli, mi chiese lumi in merito.
Mi detti da fare per risalire all’etimologia del termine in questione e scoprii diverse scuole di pensiero. Ma una di queste, rivelatami da quell’ottimo studioso dei termini partenopei, Renato De Falco, mi parve la più corretta e comunque la più interessante. Nella lingua latina
esca vuol dire piatto, pietanza. Il cuoco e gastronomo più famoso degli antichi Romani fu indubbiamente Apicio, il quale si era stancato di condire molte pietanze con la salsa più diffusa detta garum, che fra l’altro, ottenuta da interiora di pesce praticamente in decomposizione, non poteva dirsi certamente una salsa raffinata. Apicio decise di condire gli zucchini con una salsa a base di aceto, per cui tale piatto fu nominato esca Apicii, pietanza di Apicio. Da cui la Scapece in italiano ed Escabeche in spagnolo.

Estratto dal sito www.mangiare bene

Desideriamo comunicare ai frequentatori di nordiroma
 la emissione in Italia del francobollo dedicato alla Sagra
  

ARCHEOLOGIA IN CUCINA

web-zine: Cosa si mangiava nell’antica Etruria?

 Estratto da: I segreti…..degli Etruschi-Edito dall’Ente Regionale  Parco di Veio - A cura di Eleonora Sgreccia -

  ...servi fanno a pezzi la carne con una piccola ascia, altri preparano focacce, cuociono i cibi nel forno, versano le bevande nelle brocche. I loro padroni sono seduti o sdraiati sulle klinai, i letti del banchetto, in compagnia delle proprie donne dalle ricche vesti, illuminati da alti candelieri di bronzo lucente,serviti da schiavi nudi ed allietati da suonatori di lira e tibicines (flauti doppi)...  

   

Cosa si mangiava nell’antica Etruria?

Carciofi, rape, cipolle, farro, porri, aglio, asparagi, cavoli, carote, fave, lenticchie, carne, costituivano l’essenza della cucina etrusca. Il miele, in particolare quello ricavato dal timo, era il principale condimento. Gli Etruschi conoscevano ed apprezzavano le tagliatelle: lo sappiamo dalle attrezzature ritrovate nelle tombe. Oltre alla frutta e verdura, nei tempi più antichi si mangiava di frequente le minestre di cereali (di farro), di legumi (di fave) e le zuppe di verdura.

Le farine di cereali e legumi erano utilizzate per fare frittelle e focacce. La carne era bollita ed arrostita: nei corredi delle tombe troviamo gli spiedi e le pinze per maneggiare i tizzoni di brace.

Si allevavano suini, ovini e bovini, ma venivano cacciati anche il cervo, il capriolo e la lepre. Si tendeva al consumo soprattutto di suini, mentre gli ovini erano destinati alla produzione di latte e lana, i bovini al lavoro nei campi.

Condimento ideale per ogni cibo era l’olio d’oliva, di qualità ottima.

Fonte: sito web ufficiale del Parco Regionale di Veio -

 http://www.parcodiveio.it

   

Cioccolato

Un blocco di cioccolato immerso nel cioccolato fuso

Il cioccolato è un alimento derivato dai semi della pianta del cacao (Theobroma cacao L.) diffuso e ampiamente consumato nel mondo intero. È preparato a partire dal burro di cacao (la parte grassa dei semi di cacao) con aggiunta di polvere di semi di cacao, zucchero e altri ingredienti facoltativi, quali il latte, le mandorle, le nocciole o altri aromi.

Il cioccolato viene prodotto nelle forme più svariate; la più comune è la tavoletta, ma, sia industrialmente che artigianalmente, il cioccolato viene modellato in forme diverse, specie in occasione di ricorrenze o festività. Oltre a ciò, il cioccolato è anche un ingrediente di svariati dolciumi: gelati, torte, biscotti, budini e altro.

La cioccolata è invece una bevanda liquida a base di polvere di semi di cacao. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
 

Mangiare: significato 
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ingerire cibo, cioè compiere quella operazione che unitamente al bere costituisce la nutrizione, necessaria e comune alla vita degli uomini e degli animali; le piante propriamente non mangiano, ma pure si nutrono anch'esse per vivere, succhiando gli alimenti dalla terra.

 assol. nutrirsi; consumare i pasti divorare, consumare (spesso viene usato con la part. pron. per conferire al verbo valore intensivo);

 in particolari usi fig.: mangiare o mangiarsi una cosa con gli occhi, guardarla con bramosia; mangiarsi la parola data, non mantenerla, ritrattarla .

Si usa in alcune locuzioni ed espressioni particolari: mangiare la foglia, intuire una cosa che era tenuta nascosta; mangiare le sillabe, smozzicare le parole sfruttare una situazione; speculare illecitamente su quanto non è nostro a vantaggio dei propri interessi; trarre esagerati profitti da un affare, da un'impresa, ecc. us. in unione con la part. pron., sperperare, scialacquare, dilapidare corrodere, intaccare, logorarenel gioco della dama, degli scacchi, delle carte, togliere una pedina, un pezzo, una carta all'avversario.

 
VitFonte:
immagine

Vitamina E contro l'invecchiamento

PERUGIA -- Una ricerca condotta dall'università di Yale e frutto di una collaborazione con l'Università di Perugia e l'Azienda Sanitaria di Firenze ha dimostrato che bassi livelli di vitamina E nel sangue (indice, in genere, di scarsa nutrizione) sono legati al calo delle funzioni fisiche che si verifica con l'avanzare dell'età.

Flavia Innocenti

Conferenza di Raffaele Morelli


 

            
 
Incontro di Poesia, Musica e Pittura il 12 giugno 2013 - Auditorium della Chiesa Nostra Signora di Guadalupe. segue
il 26 maggio 2013 - ore 14.30 18 - Iniziativa Studenti dell'Ospedale S. Andrea. I bimbi portano a fare visitare, curare o vaccinare nientedimeno che i loro amici peluche. segue
Dal .... al Scuderie del Quirinale - Quaranta opere alle Scuderie del Quirinale per raccontare Tiziano Vecellio segue
altri eventi?
Ponte Milvio
 
Homepage  |  Indirizzi utili  | Libri  |  Cinema   |  Teatro  |  Musica  |  Radio  |  TV  |  Giochi  |  Pagine Astratte  |  Contattaci